Giffoni partecipa al Safer Internet Day 2024: i ragazzi dello Youth Panel protagonisti dell’evento dedicato alla sicurezza in rete

Appuntamento domani, 6 febbraio, a Roma presso il Teatro Ambra Jovinelli per 40 studenti di età compresa tra i 14 ed i 18 anni. L’evento in contemporanea in 100 Paesi rientra nelle attività del SIC “Generazioni Connesse” ed è coordinato dal Ministero dell’Istruzione e del Merito

Giffoni è protagonista del Safer Internet Day 2024. L’appuntamento è per domani, martedì 6 febbraio 2024 per la Giornata mondiale per la sicurezza in Rete promossa dalla Commissione Europea e celebrata in contemporanea in oltre 100 Nazioni. Obiettivo dalla giornata è far riflettere le ragazze e i ragazzi non solo sull’uso consapevole della rete, ma anche sul ruolo attivo e responsabile di ciascuno nella realizzazione di Internet come luogo positivo e sicuro.

Il Safer Internet Day si svolgerà a Roma, presso il teatro “Ambra Jovinelli”, dalle ore 10.00 alle ore 12.30 alla presenza di oltre 500 studenti. Si articolerà in un evento ricco di ospiti istituzionali, ma anche di influencer, content creator, divulgatori ed esperti del settore con l’obiettivo di declinare il tema scelto dalla Commissione Europea per la giornata, “Together for a better internet for Kids” con approfondimenti che andranno dai pericoli come il cyberbullismo e l’adescamento fino alle potenzialità per il lavoro e la formazione che la rete indiscutibilmente offre.

Da Giffoni saranno circa i quaranta ragazzi di età compresa tra i 14 ed i 18 anni a partecipare all’evento di martedì a Roma. Si tratta dello Youth Panel, che Giffoni ormai da tre anni segue e coordina, gruppo di consultazione giovanile del Safer Internet Centre “Generazioni Connesse”, che da mesi sta affrontando queste tematiche attraverso specifiche attività di formazione e di approfondimento.

I TEMI DEL SID 2024

Ogni anno il Safer Internet Day mira a sensibilizzare la responsabilità di ciascuno per rendere Internet uno strumento positivo per tutti. Il tema principale dell’attuale edizione sarà l’intelligenza Artificiale analizzata a partire dalle sue applicazioni e implicazioni, in termini di opportunità e rischi, all’interno dei seguenti 5 ambiti:

  1. Adescamento, Privacy e Diritto all’immagine
  2. Metaverso
  3. BES e Tecnologie applicate
  4. Intelligenza Artificiale e Mestieri del Futuro
  5. Gaming

 

L’evento potrà essere seguito in streaming sull’home page del sito istituzionale del Ministero dell’Istruzione e del Merito oppure attraverso il canale https://www.generazioniconnesse.it/site/it/0000/00/00/safer-internet-day-2024/.

 

IL PROGRAMMA

Al SID 2024 interverranno Carla Garlatti, Autorità Garante per l’Infanzia e l’Adolescenza, Gianfranco Costanzo, Capo del Dipartimento per le politiche della famiglia, Nunzia Ciardi, vicedirettore Agenzia per la Cyberbsicurezza Nazionale, Barbara Strappato, Primo Dirigente della Polizia di Stato Direttore della Prima Divisione del Servizio Polizia Postale e delle Comunicazioni, Guido Scorza, Autorità Garante per la Protezione dei Dati Personali, Sandra Cioffi, Consiglio Nazionale degli Utenti – Agcom

Interverranno ancora Alessandro Beloli, Creator e divulgatore culturale Geopop, Benedetta Colombo, Creator e divulgatrice culturale Benedetta Artefacile, Diego Fusina, Creator e Divulgatore Culturale, Claudio Riccio, Esperto e docente di Etica della Comunicazione, Daniele Catozella – Save the Children Italia – Safer Internet Centre, Mauro Cristoforetti – Cooperativa EDI – Safer Internet Centre, Patrizia Corrada, referente Helpline e Hotline di Telefono Azzurro. Sono previsti contributi dei ragazzi dello Youth Panel Italia e testimonianze del Teacher Panel Italia

LA CAMPAGNA DI COMUNICAZIONE “IL MESE DELLA SICUREZZA IN RETE”

Con il SID 2024 partirà l’ottava edizione della campagna “Il Mese della Sicurezza in Rete”. Durante tutto il mese di febbraio le scuole interessate a promuovere attività formative e di sensibilizzazione relative all’uso consapevole degli strumenti digitali potranno inserire le proprie iniziative sul sito del SIC Generazioni Connesse.

Inoltre durante questo mese, sui canali social di Generazioni Connesse, verrà lanciata la Terza Stagione della mini-serie di Generazioni Connesse “WE ARE FEARLESS” – Noi non abbiamo paura – dedicata alle studentesse e agli studenti delle scuole secondarie di secondo grado.

 

SAFER INTERNET CENTRE GENERAZIONI CONNESSE

Il SID rientra tra le attività promosse ed organizzante dal Safer Internet Centre – Generazioni Connesse, co-finanziato dalla Commissione Europea nell’ambito del programma Digital Europe, membro di una rete promossa dalla Commissione Europea. Il progetto è coordinato dal MIM con il partenariato di alcune delle principali realtà italiane che si occupano di sicurezza in Rete: Autorità Garante per l’Infanzia e l’Adolescenza, Polizia di Stato, gli Atenei di Firenze e “La Sapienza” di Roma, Giffoni, Save the Children Italia, Telefono Azzurro, la cooperativa EDI onlus e Skuola.net. Da quest’anno l’Autorità Garante Privacy, il Ministero per la Famiglia, l’Agenzia per la Cybersicurezza Nazionale entreranno a far parte del partenariato del progetto offrendo la possibilità di creare nuove sinergie ed opportunità educative.

Tra le attività di supporto rivolte a chi, come genitori, insegnanti o minori, sono più esposti a situazioni di difficoltà o pericolo, particolarmente rilevante risulta il percorso di auto valutazione e formazione che attraverso un iter guidato da esperti conduce le scuole a dotarsi di un documento, denominato e-policy, che le supporti nell’educazione e nella formazione all’uso consapevole e sicuro delle tecnologie. Un ulteriore supporto per le scuole, utile alla realizzazione di attività didattiche e educative da realizzare in classe risulta essere il kit didattico. Uno strumento che si rivolge a tutte le Istituzioni scolastiche, attraverso percorsi educativi che intendono guidare l’insegnante nella realizzazione di un vero e proprio laboratorio per l’uso consapevole e responsabile delle tecnologie digitali all’interno della propria classe. Relativamente alle attività di sensibilizzazione si evidenziano, poi, le campagne realizzate attraverso i canali social del progetto SIC, dedicate a ragazze e ragazzi che vivono esperienze anche problematiche online.

In ultimo, appare utile evidenziare che il Ministero e i partner del Safer Internet Centre, al fine di supportare bambini e adulti che devono affrontare situazioni di difficoltà o pericolo online si sono dotati di uno strumento di segnalazione denominato Helpline che consente agli utenti di contattare personale specializzato quando si trovano in situazione di difficoltà o pericolo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *