“Frammenti di vita”, così la vicenda umana di Pasolini incrocia la grande storia d’Italia

Venerdì, 15 dicembre, lo spettacolo conclusivo del progetto pensato da Giffoni per il centenario della nascita del grande intellettuale. Regia di Cordopatri, in scena l’attore Mittica. Ancora aperta l’esposizione d’arte presso la Multimedia Valley

La vicenda umana e culturale di un intellettuale “scomodo” incrocia la grande storia d’Italia, ecco il gran finale per il progetto Pier Paolo Pasolini: i suoi “100” volti, pensato da Giffoni in occasione del centenario della nascita di Pasolini con il sostegno della Presidenza del Consiglio dei Ministri – Struttura di missione per la valorizzazione degli anniversari nazionali e della dimensione partecipativa delle nuove generazioni.

Le azioni che compongono il ricco programma, curato dal project manager Marco Cesaro, sono indirizzate e rivolte in particolar modo alle scuole della Campania. Alle attività partecipano, infatti, gli studenti dell’Istituto di Istruzione Superiore Gian Camillo Glorioso di Giffoni Valle Piana, dell’Istituto di Istruzione Superiore Piranesi di Capaccio – Paestum, del Liceo Matilde Serao, del Liceo Salvatore Cantone, del Liceo Classico- Scientifico Vittorio Imbriani e dell’Istituto d’Istruzione Superiore “Europa”, tutti di Pomigliano d’Arco.

Venerdì 15 dicembre, con inizio alle ore 17.30, presso la Sala Galileo della Giffoni Multimedia Valley spettacolo conclusivo del progetto. In scena “Frammenti di vita – Nel ricordo di Pier Paolo Pasolini” scritto da Marco Mittica, che ne è anche interprete, con la regia di Walter Cordopatri in una produzione della Scuola di Recitazione della Calabria. Saranno presenti all’appuntamento una rappresentanza degli studenti ed i dirigenti scolastici degli istituti scolastici coinvolti nel progetto. Per partecipare allo spettacolo ci si potrhttps://giffoni.it/evento-finale-ppp/à prenotare sul sito https://giffoni.it/evento-finale-ppp/ compilando l’apposito form.

A poco più di cent’anni dalla nascita di Pier Paolo Pasolini – si legge nelle note di regia dello spettacolo – attraverso questo spettacolo si tenta di ripercorrere il suo percorso umano e artistico. Per cercare di mantenere vivo ancora oggi il suo pensiero, la piece renderà ancora più palpabile e percepibile il tutto, intrecciando la vita del nostro intellettuale con quella di una famiglia comune italiana”.

Resta ancora aperta e visitabile fino al prossimo 8 gennaio l’esposizione d’arte “Pasolini 22-22” presso gli spazi espositivi della Giffoni Multimedia Valley. La collettiva è stata curata da Enzo Trepiccione, insieme a Marcello Gallo ed ospita opere di Luz Banòn, Deborah Napolitano, Enzo Trepiccione, Claudia Buttignol, Carlo De Lucia, Alejandro Torres, Virginia Bernal, Salvador Torres, Kraser, Cesare Serafino, Lucio Afeltra, Vittorio Vanacore, Simon Ostan Simone, Manuel Perez.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *