Web education all’Istituto “Rita Levi Montalcini” di Salerno, oggi la chiusura del corso promosso da Hyping. L’appello dei ragazzi agli adulti: “Ascoltateci di più”

Dieci incontri con cinque seconde classi di scuola secondaria di primo grado dell’Istituto Comprensivo Rita Levi Montalcini di Salerno, tre plessi coinvolti e tanta voglia di conoscere, approfondire, chiedere ed apprendere. Si è concluso questa mattina il corso di web education promosso in questi mesi nell’ambito del progetto Hyping con il contributo degli esperti dell’Ente Autonomo Giffoni Experience opportunamente formati anche grazie alle attività dello Youth Panel del Safer Internet Centre coordinato ormai da anni proprio da Giffoni. E’ quanto accaduto con il corso di educazione digitale che ha coinvolto gli alunni dell’Istituto Comprensivo Rita Levi Montalcini di Salerno.  Oggi l’assemblea plenaria alla quale hanno partecipato, presso la Sala Teatro del plesso di via Picenza, oltre ad una rappresentanza dei ragazzi anche le famiglie, i genitori con cui spesso i giovani si misurano e si confrontano proprio sull’utilizzo dei dispositivi digitali.

La rete è un’opportunità, ma anche un rischio. I ragazzi in queste settimane hanno esposto le loro esperienze. Qualcuno ha parlato di adescamento e qualcuno lo ha fatto con grande consapevolezza. C’è chi socializza la questione con gli adulti e chi no, perché prova imbarazzo. O perché crede di non essere sufficientemente compreso dai grandi, in particolare dai genitori. Ai quali rivolgono un appello, quello di cambiare, di mettersi in sintonia con le loro esigenze di adolescenti. Il mondo degli adulti è troppo lontano per loro. E spesso il cellulare diventa uno strumento per crearsi una realtà parallela o per sfuggire alla noia.

“Abbiamo trovato dei ragazzi molto preparati e consapevoli – raccontano i giovanissimi formatori di Hyping, Mario Cesaro e Luisa Fiore Annunziata – e che usano la rete con cognizione di causa. Conoscono i meccanismi delle fake news, quelli dell’intelligenza artificiale e dall’incontro con loro si comprende anche come stia cambiando l’utilizzo e la fruizione dei social”.

Oggi, nel corso dell’assemblea, ai ragazzi è stato somministrato un sondaggio relativo proprio all’utilizzo del cellulare e alla fruizione dei social.

Il social media più utilizzato resta TikTok che può avere un effetto per certi versi dopante, sicuramente alienante. Anche di questo è stato discusso nel corso degli incontri di queste settimane con gli studenti.

Come riconoscere le fake news, come evitare l’adescamento in rete, come evirare fenomeni legati alla fruizione di contenuti inadatti o, ancora, come accorgersi se si è vittima di dipendenza dalla rete, sono alcune delle questioni affrontate nel corso degli incontri presso l’Istituto Rita Levi Montalcini che è stato destinatario di questa interessante azione. A questi si sono aggiunti tutti i nuovi temi, legati in particolare al tema dell’intelligenza artificiale, che pure sono stati oggetto dei vari incontri e al centro del confronto con i ragazzi.

Contrasto alla povertà educativa e alla dispersione scolastica attraverso un approccio integrato che mette insieme istituzioni, agenzie educative, espressioni del terzo settore, questo è Hyping, progetto a valere sul PNRR (Missione 5 – Componente 3 – Investimento 3) Interventi socio-educativi strutturati per combattere la povertà educativa nel Mezzogiorno a sostegno del Terzo Settore – finanziato dall’Unione Europea – NextGenerationEU attraverso l’Agenzia per la Coesione Territoriale.

Il progetto vede come soggetto capofila la cooperativa sociale Insieme di Salerno e gode di un ampio partnerariato che fa riferimento ad un contesto territoriale più vasto, comprendendo oltre alla città di Salerno, anche i territori di Pontecagnano Faiano e Giffoni Valle Piana. Il partenariato è, composto da: Comune di Salerno – Assessorato alle Politiche Sociali, Ente Autonomo Giffoni Experience, Istituto d’Istruzione Secondaria “Santa Caterina – Amendola” di Salerno, Istituto Comprensivo “Rita Levi Montalcini” di Salerno, Asd Zona Orientale Rugby Popolare Salerno, associazione DeArt Progetti, Aps Tandem Onlus di Salerno, Fmts Lavoro srl di Pontecagnano Faiano e Formamentis srl.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *