Regolamento Acquisizione di beni e servizi

ART. 1 – OGGETTO

Il presente regolamento disciplina, nel pieno rispetto del quadro normativo vigente e in conformità con il D. Lgs. 50/2016 (Codice dei Contratti Pubblici), principi, criteri e procedure da seguire per le acquisizioni di servizi e forniture da parte dell’Ente Autonomo Giffoni Experience, di seguito denominato “Giffoni Experience” o “Ente”, di valore stimato inferiore alla soglia comunitaria, come definita dalla vigente normativa nazionale e comunitaria.

Il presente regolamento tiene conto della normativa introdotta, anche in deroga al D. Lgs. 50/2016, con le previsioni di cui al D.L. 76/2020 convertito con modificazione dalla Legge 120/2020 e di cui al D.L. 77/2021 convertito con modificazione dalla Legge 108/2021, che si applicano alle procedure per le quali la determina a contrarre o altro atto di avvio al procedimento sia adottato entro il 30 giugno 2023.

Per tutto quanto non precisato nel seguente regolamento si rimanda al D. Lgs. 50/2016 ed ai regolamenti UE.

ART. 2 – MODALITÀ

1. Le acquisizioni di beni e servizi possono essere effettuate mediante:

a) affidamento diretto, ai sensi dell’art. 1 comma 2 lett. a) del D.L. 76/2020 conversione in Legge 120/2020 e modifiche di cui al D.L.77/2021 conversione in Legge 108/2021, per servizi e forniture, ivi compresi i servizi di ingegneria e architettura e l’attività di progettazione, di importo inferiore a 139.000 euro; 

 b) procedura negoziata senza bando di cui all’articolo 63 del decreto legislativo n. 50 del 2016, ed ai sensi dell’art. 1 comma 2 lett. b) del D.L. 76/2020 conversione in Legge 120/2020 e modifiche di cui al D.L.77/2021 conversione in Legge 108/2021, previa consultazione di almeno cinque operatori economici,  individuati in base ad indagini di mercato o tramite elenchi di operatori economici, per l’affidamento di servizi e forniture, ivi compresi i servizi di ingegneria e architettura e l’attività di progettazione, di importo pari o superiore a 139.000 euro e fino alle soglie di cui all’articolo 35 del decreto legislativo n. 50 del 2016

ART. 3 – LIMITE DI SPESA 

1. Il presente regolamento disciplina l’acquisizione di servizi e forniture per importi inferiori alle soglie di cui all’articolo 35 del decreto legislativo n. 50 del 2016

Il limite di importo, in riferimento agli affidamenti diretti ed alle procedure negoziate, è automaticamente adeguato, ai sensi del D. Lgs. 50/2016, art.35 comma 3. 

ART. 4 – PROCEDURE DI SPESA


Per gli affidamenti di importo inferiore a € 139.000,00 oltre IVA, di cui all’art. 1, comma 2 lett. a) del D.L. 77/2020, il Responsabile Unico del Procedimento (di seguito, RUP) effettua l’affidamento diretto nel rispetto dei principi di economicità, efficacia, tempestività, correttezza, libera concorrenza, non discriminazione, trasparenza, proporzionalità, pubblicità, rotazione. 

È sempre necessario che il prezzo sia congruo rispetto alla qualità della prestazione (il riscontro di tale congruità può avvenire anche a mezzo di consultazioni digitali o comparazioni con affidamenti simili avvenuti in anni precedenti). Ai fini della validità di tali affidamenti sarà sufficiente l’esternazione di una congrua motivazione circa l’intervenuta indagine di mercato e l’affidamento sarà validato a firma del RUP.

Nel rispetto delle previsioni dell’art. 1, comma 2 lett. b) del D.L. 76/2020,  gli affidamenti di servizi e forniture aventi un importo complessivo pari o superiore alla summenzionata soglia di € 139.000,00 e fino al limite di cui all’articolo 35 del decreto legislativo n. 50 del 2016 (i prezzi si intendono sempre oltre IVA), avverranno mediante procedura negoziata di cui all’art. 63 del decreto  legislativo n. 50 del 2016, previa consultazione di almeno cinque operatori economici individuati tramite elenchi di operatori economici iscritti nell’Albo Fornitori dell’Ente Autonomo Giffoni Experience, nel rispetto di un criterio di rotazione degli inviti, o individuati sulla base di indagini di mercato.

Pertanto, l’iscrizione all’albo è presupposto preferenziale in ordine alla scelta del contraente.
Qualora non dovessero essere iscritte all’albo dei fornitori un numero sufficiente di operatori economici o per specificità de qua, l’Ente procederà ad individuare ditte da invitare alle procedure mediante indagine di mercato.

Le ditte prescelte saranno informate esclusivamente a mezzo posta elettronica certificata.
I preventivi dovranno pervenire entro la data presente nella richiesta, in plico sigillato, presso l’ufficio del RUP.

La lettera di invito, firmata dal responsabile del procedimento, da trasmettere a tutti gli operatori economici esclusivamente a mezzo posta elettronica certificata (per l’inoltro della proposta maggiori dettagli saranno presenti all’interno delle singole procedure ad avviarsi) – deve indicare:

•         l’oggetto della prestazione e il suo importo massimo previsto, con esclusione dell’IVA;

•         criterio di aggiudicazione;

•         caratteristiche tecniche e qualitative;

•         modalità di esecuzione del servizio;

•         termine per l’esecuzione della prestazione;

•         validità offerta;

•         garanzie richieste al contraente ove previste;

•         modalità e termini di pagamento;

•         penali ove previste;

•         termine ed indirizzo dove dovranno essere fatte pervenire le offerte;

•         requisiti soggettivi richiesti all’offerente tramite apposita dichiarazione;

•         ogni altra prescrizione necessaria ai fine della procedura di acquisizione.

La richiesta di offerta può prevedere la possibilità di non procedere all’affidamento nel caso di presenza di una sola offerta valida; può prevedere, inoltre, altri requisiti specificati e giustificati negli atti del procedimento.

Le offerte dovranno essere redatte secondo le disposizioni contenute nella lettera d’invito.

ART. 5 – PUBBLICAZIONI

L’Ente provvede a garantire il pieno rispetto degli obblighi in materia di pubblicità in conformità al D.Lgs. 50/2016, conformandosi agli obblighi di pubblicazione come sotto individuati:

      A. Affidamenti inferiori a € 40.000,00 oltre IVA: esente da obblighi di pubblicità;

      B. Affidamenti da € 40.000,00 alla soglia di cui all’articolo 35 del decreto legislativo n. 50 del 2016:

1. Pubblicazione sul sito dell’ANAC- AUTORITÀ NAZIONALE;
2. Pubblicazione sul sito dell’Ente;
3. Pubblicazione sul sito dell’Ente e sul sito dell’ANAC dell’avvenuto affidamento;

C.  Affidamenti di cui all’allegato IX del D. Lgs. 50/2016.
1. Le pubblicazioni saranno le stesse del punto B, ma si applicheranno solo per affidamenti Superiori ad € 750.000,00 oltre IVA.

ART. 6 – TIPOLOGIE DI SPESA
Costituiscono oggetto del presente regolamento le acquisizioni mediante noleggio, locazione, locazione finanziaria, acquisto a riscatto, i beni e servizi elencati all’interno dell’Allegato A del disciplinare per la gestione dell’albo fornitori dell’Ente Autonomo Giffoni Experience.

ART. 7 – CRITERI DI AGGIUDICAZIONE
1. Nelle procedure di acquisto, la migliore offerta viene selezionata, ai sensi dell’art. 95 del D. Lgs. n. 50/2016, con uno dei seguenti criteri:
a) prezzo più basso;
b) offerta economicamente più vantaggiosa;
2. La struttura competente sceglie il criterio più adeguato in relazione alle caratteristiche dell’oggetto del contratto, e indica nella lettera di invito quale dei due criteri sarà applicato per selezionare l’offerta.
3. Nel caso in cui venga applicato il criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa, la lettera di invito dovrà precisare i criteri di valutazione, con i relativi criteri, pertinenti alla natura, all’oggetto e alle caratteristiche del contratto, quali a titolo esemplificativo:
a) il prezzo;
b) la qualità;
c) il pregio tecnico;
d) le caratteristiche estetiche e funzionali;
e) affidabilità storica del fornitore;
f) l’assistenza tecnica.
4. L’esame delle offerte viene effettuato dal responsabile unico del procedimento o da una commissione tecnica nominata da lui o dal consiglio di amministrazione.
Nel caso in cui l’aggiudicazione avvenga a favore dell’offerta economicamente più vantaggiosa, la valutazione delle offerte sarà demandata ad apposita commissione giudicatrice.
5. Il responsabile del procedimento può decidere di non affidare la fornitura o il servizio se nessuna dellE offerte risulti conveniente o idonea in relazione all’oggetto del contratto. Il Responsabile Unico del procedimento esclude l’offerta che, in base all’esame degli elementi forniti, risulti nel suo complesso inaffidabile.

ART. 8 – CASI ESCLUSI

Il D.lgs. 50/ 2016 art. 63 comma 1 e comma 2, lett. b) stabilisce che, in caso di diritti esclusivi e/o di rappresentazioni artistiche uniche, si possa procedere ad affidamento senza previa pubblicazione di bando di gara. Tali servizi sono, pertanto, esclusi dall’applicazione del regolamento. Per dette forniture l’Ente, nella persona del RUP, ha facoltà di scegliere il contraente per perseguire gli obiettivi e le reali necessità riscontrate. Pertanto i servizi summenzionati potranno essere assoggettati sia ai limiti prima espressi o, previo riscontro di progettualizzazione, ideazione, tipologia e complessità aggiudicati in modo diretto previa congrua comunicazione sul sistema di monitoraggio dell’ANAC fino al limite di € 750.000,00 oltre iva ovvero fino al limite di € 999.999,99 in caso di pubblicazione contestuale anche su GUCE e adempimenti connessi agli obblighi di pubblicità.
Tale limite scende ad € 40.000,00 oltre IVA per progetti artistici e/o afferenti all’art. 63 commi 1 e 2 lett. b) in caso di progetti internazionali svoltisi al di fuori dell’Italia (detto aspetto non si applica a società internazionali che dovessero essere coinvolte in Italia per servizi di casting o assimilati).

ART. 9 – AGGIUDICAZIONE PER RAGIONI ARTISTICHE

Conformemente a quanto previsto e disciplinato dall’art. 63 comma 1 e comma 2 lett. b) del D. Lgs. 50/2016 il RUP ha la facoltà di affidare mediante procedura negoziata senza previa pubblicazione del bando di gara, per importi fino ad € 999.999,99 oltre IVA i servizi resi nei sottoelencati ambiti:
1. Cinematografico;

2. Radio/Televisivo;

3. Teatrale;

4. Musicale;

5. Spettacolare;

6. Artistico.

ART. 10 – PAGAMENTI – ATTESTAZIONI DI REGOLARE ESECUZIONE 

Le fatture sono liquidate dall’Ente con la cadenza temporale stabilita nel contratto o nell’ordine, a seguito della verifica della regolare esecuzione delle prestazioni pattuite. Per quanto attiene ai Servizi e alle Forniture essi sono soggetti all’attestazione di regolare esecuzione.

ART. 11 – ONERI FISCALI 

Gli importi di spesa indicati nel presente regolamento sono sempre IVA esclusa. 

ART. 12 – FORMA DEL CONTRATTO 

I contratti per le acquisizioni di cui al presente Regolamento sono stipulati mediante scrittura privata, all’esito della verifica del possesso da parte dell’affidatario dei requisiti di idoneità morale, capacità tecnico-professionale ed economico-finanziaria, secondo le forme e nei tempi previsti dalla normativa vigente per contratti. Per le acquisizioni di importo fino alle soglie minime per Servizi e Forniture, la stipulazione può avvenire anche mediante ordini (lettere di ordinazione); a ciascun ordine vengono allegate le Condizioni Generali per appalti di beni e servizi. In entrambi i casi di cui al precedente punto, il contratto o l’ordine dovrà contenere le condizioni specifiche di esecuzione dello stesso, tra cui l’inizio ed il termine, le modalità di pagamento, nonché tutte le altre circostanze necessarie, ivi compreso ogni onere relativo agli obblighi di tracciabilità. 

ART. 13 – ENTRATA IN VIGORE 

Il presente Regolamento entra in vigore con effetto immediato ed è reso pubblico attraverso la pubblicazione sul sito internet dell’Ente