Amicizia e inclusione: a fare da protagonista della seconda giornata di School Experience a Ceccano è il grande cinema

Il festival è organizzato da Giffoni, realizzato nell’ambito del Piano Nazionale Cinema e Immagini per la Scuola e promosso da MIC e MIM

È tra sogni, frustrazioni e la ricerca del proprio posto del mondo che si muove CALIFORNIE, il documentario proiettato questa pomeriggio al Cinema Antares di Ceccano (Frosinone), nell’ambito di School Experience 3, l’evento  realizzato grazie al Piano Nazionale Cinema e Immagini per la Scuolapromosso da Ministero della Cultura – Direzione Generale per il Cinema e l’Audiovisivo e Ministero dell’Istruzione e del Merito.

I ragazzi del liceo scientifico e linguistico di Ceccano e dell’IIS Norberto Turrizziani – liceo “Fratelli Maccari” di Frosinone hanno potuto confrontarsi con il racconto firmato da Alessandro Cassigoli e Casey Kauffman, incentrato sulla storia di Jamila, una ragazza marocchina esuberante e con grande senso pratico che sembra avere un enorme potenziale per raggiungere grandi cose o combinare enormi disastri. CALIFORNIE la segue, giorno dopo giorno, dai 9 ai 14 anni, nella piccola cittadina del sud Italia dove vive, per ricostruire l’affascinante viaggio personale della ragazza intraprende per trovare il suo posto nel mondo, battute d’arresto e deviazioni incluse. Presentato nell’ambito della sezione FEATURE EXPERIENCE +14, il film, ambientato a Torre Annunziata, parla di solitudine, isolamento, pericolo e senso di appartenenza alle proprie radici.

A cogliere pienamente il senso del film è stata Gaia, che ha raccontato le sue emozioni a caldo: “Il film offre un messaggio molto profondo e altrettanto attuale. Parla di una ragazza che non ha potuto vivere la propria infanzia, che ha dovuto rinunciare ai suoi sogni, divisa, almeno nella prima parte, dalla voglia di tornare in Marocco, dove ha i suoi affetti e la paura della relazione con il diverso da se. Nella seconda parte – ha spiegato – assistiamo a una evoluzione del personaggio, perché grazie alla collaborazione con un salone di bellezza si sente a casa. E questo ci fa capire che l’integrazione è possibile”.

Le fa eco Leonardo che ha aggiunto: “Il cinema non è solo intrattenimento, anzi. Chi pensa questo sbaglia. È capace di creare dialogo e confronto su argomenti importanti e di forte attualità come in questo caso, in cui il tema affrontato è quello dell’integrazioen”.

Per la sezione SHORT EXPERIENCE, invece, gli studenti hanno visionato alcuni cortometraggi. “Il mare che muove le cose” di Lorenzo Marinelli (Italia, 2021) racconta la storia di Massimo, proprietario di uno stabilimento balneare, che è anche la sua casa, dove vive con la moglie e le due figlie. Tutto è cambiato da quando ha scoperto di avere il morbo di Parkinson: il mondo continua a girare e sembra essersi dimenticato di lui. L’incontro con un ragazzo africano, nella cucina del suo ristorante, gli darà l’opportunità di reagire al dolore. “Mela bacata” di Andrea Maddalena Bernardi (Italia, 2022) è una storia di formazione, narrata da un sé cosciente che guarda con ironia agrodolce ai suoi ricordi adolescenziali. Un viaggio tra insicurezze, primi amori, amicizie salvifiche ed eventi traumatici che vanno a ricomporre le tappe di un racconto sul mondo Dsa. “Una pioggia di giugno” di Gianfrancesco Iacono (Italia, 2022) è incentrato su una ragazza che va in cerca del padre sotto la pioggia di Palermo. Un viaggio tra sogni, incubi e speranza che diviene un vero e proprio ritorno alla vita. “Rimbombo” di Filippo Leoncini è ambientato in una palestra. Due fratelli si ritrovano per giocare a basket, ma il rimbombo delle pareti riporta a galla questioni irrisolte. Al termine delle proiezioni gli studenti delle scuole superiori hanno poi votato il lavoro che li ha maggiormente convinti.

Spazio anche agli studenti delle primarie di Latina e Frosinone, nell’ambito della sezione FEATURE EXPERIENCE +6 i bambini hanno assistito alla proiezione di “Belle e Sebastien: Next Generation” per la regia di Pierre Corè. Sébastien ha ormai 10 anni e trascorre con riluttanza le vacanze in montagna con la nonna e la zia. Aiutarli con le pecore non è una prospettiva eccitante per un ragazzo di città come lui, ma un giorno incontra Belle, un enorme cane maltrattato dal suo proprietario. Pronto a tutto per combattere l’ingiustizia e per proteggere il suo nuovo amico, Sébastien trascorrerà l’estate più pazza della sua vita.

Per la sezione SHORT EXPERIENCE sono stati poi: “Cistalp” di Jean A. Evangelista (Filippine , 2021), un film che affronta il tema degli effetti negativi della plastica nel nostro mondo; “Il gigante nero” di Francesco Di Giuseppe (Italia,2022), storia di un bambino va al cinema e viene subito catturato dal film, ma poco dopo l’inizio della proiezione prende posto davanti alla sua poltrona un imponente spettatore che gli ostruisce la vista. Il piccolo, travolto dall’atmosfera e dal buio della sala, si immerge totalmente nel film nel quale si ritrova ad affrontare un mostro che potrebbe mettere a repentaglio l’incolumità di una bambina di cui è alla ricerca. “Maronii” di llonneau Dimitri, Guitet Maxime, Plata Lucas, Nguyen Ngoc Mai, Matuszczak Guilian, Argentieri Flore, Courtel Hugo (Francia,2022): in una baia della Guyana francese, un giovane pesce sconvolge l’equilibrio rubando del cibo. Bandito dal suo branco, il pesciolino se ne va, cercando a valle acque più ospitali. Ma il pericolo lo attende e l’avventura del pesciolino è solo all’inizio! “Medo” di Bibiana Lauretti, (Brasile, 2022) narra di Eliz, una bambina che sta affrontando il trasferimento in un’altra città. Eliz dovrà adattarsi al suo nuovo asilo nido che, all’inizio, sembra molto spaventoso. Ma conoscere persone nuove si rivelerà una bella esperienza. “To turn off the stars” di Margot Cavret (Francia, 2021): ogni giorno Renard accende e spegne il suo curioso lampione che sembra controllare il ciclo della notte e del giorno. Un giorno, interrompe la sua routine quando scopre che Louve e la luna si sono innamorati. Renard deve compiere il suo dovere, nonostante tutto, e costringere gli innamorati a separarsi, facendo scattare l’alba? E per finire “Trash Can” di Greta Semionovaite (Regno Unito, 2022): il procione solitario cerca di sopravvivere un altro giorno nella frenetica città. Quando finalmente trova del cibo, la sua felicità non dura a lungo. Infine la votazione per esprimere il giudizio e selezionare il lavoro migliore, tra entusiasmo, applausi e tante risate.

School Experience - backstage riprese "Vuota il Sacco"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *