A Giffoni Shock i tavoli dello Youth Panale del Sic: elaboreranno una proposta per Google, Meta e TikTok

Il gruppo di ragazzi del Safer Internet Centre – Generazioni Connesse impegnati in un’attività di formazione. Il responsabile Cesaro: “Per i prossimi 18 mesi tante iniziative ed occasioni di confronto”. Al direttore Gubitosi: “Questo è uno spazio di libertà e di ascolto”

Una proposta shock per Google, Meta e TikTok cioè le principali piattaforme social maggiormente utilizzate in tutto il mondo. E’ quella a cui stanno lavorando in questi giorni i ragazzi dello Youth Panel del Safer Internet Centre – Generazioni Connesse nell’ambito della prima edizione di Giffoni Shock, evento in corso di svolgimento presso la Multimedia Valley, dedicato all’arte e a tutti i più innovativi linguaggi artistici. L’evento è cofinanziato dal Ministero della Cultura – Direzione Generale Cinema e Audiovisivo come progetto speciale – annualità 2022.

Lo Youth Panel è un gruppo di quaranta ragazzi di età compresa tra i 14 ed i 18 anni a partecipare all’evento di martedì a Roma. Si tratta dello Youth Panel, che Giffoni ormai da anni segue e coordina, gruppo di consultazione giovanile del Safer Internet Centre “Generazioni Connesse”, che da mesi sta affrontando queste tematiche attraverso specifiche attività di formazione e di approfondimento.

Oggi, nel corso della prima giornata di lavoro, i ragazzi, in presenza e da remoto, si sono confrontati con il Teacher Panel per avviare l’attività che proseguirà anche domani su tre tavoli distinti, uno per ciascuna piattaforma coinvolta, con l’obiettivo di definire una proposta di utilizzo dei vari social che sarà poi presentata ai rappresentanti di Google, Meta e Tiktok a luglio, durante #Giffoni54. In presenza ha partecipato ai lavori, in rappresentanza del Teacher Panel, Giuliano De Luca. In collegamento c’era Barbara D’Ippolito.

L’appuntamento di oggi è stato utile anche per affrontare una panoramica delle attività che interesseranno lo Youth Panel nei prossimi 18 mesi con l’obiettivo di dare sempre maggiore protagonismo ai ragazzi che si sono distinti, anche nelle attività precedenti, per competenza e consapevolezza. Ad illustrare programmi ed obiettivi c’ha pensato Marco Cesaro, responsabile del dipartimento Progetti Speciali di Giffoni.

“Ci attendono da adesso in poi – ha detto e fino al luglio 2025, diciotto mesi molto intensi. Nei quali terremo una serie di attività e di momenti di incontro che saranno utili per approfondire tutte le tematiche che rientrano nella mission dello Youth Panel. Oggi il gruppo è stato in parte rinnovato. Abbiamo aggiunto alcune belle intelligenze che si sono già integrate con coloro che vi fanno parte da tempo. Nei mesi scorsi il nostro Youth Panel è stato da esempio agli omologhi di altri Paesi europei. Siamo stati definiti come il migliore d’Europa. E di questo ne siamo fieri”.

Dalla partecipazione all’edizione di Giffoni 2024 a luglio – con lo stand di Generazioni connesse che servirà come punto di promozione del programma ma anche come spazio per la formazione dei ragazzi – fino al Back to school che si svolgerà tra settembre ed ottobre e che quest’anno per lo Youth Panel assumerà i contorni di un vero e proprio campus formativo. Ma sono davvero tante le iniziative che si snoccioleranno nel corso dei mesi e che daranno la possibilità ai ragazzi di incontrarsi e confrontarsi su temi che fanno parte della loro quotidianità, quel benessere digitale che ormai rientra a pieno titolo tra gli obiettivi da centrare se davvero si vuol fare della crescita individuale un processo virtuoso e sano.

A sorpresa i ragazzi dello Youth Panel hanno incontrato il direttore e fondatore di Giffoni, Claudio Gubitosi. E’ stata l’occasione per illustrare più diffusamente le attività che svolgono ed il rapporto che ciascuno ha intessuto in questi anni con Giffoni. Tutti hanno rimarcato il senso di libertà che fa di Giffoni uno spazio unico, un luogo dove potersi esprimere senza censure e senza limiti.

“Ho apprezzato molto le vostre parole – ha detto il direttore Gubitosi – perché avete compreso il senso di Giffoni, quello di essere il luogo dell’ascolto. Soprattutto per quelle generazioni che spesso non sanno connettersi con voi e che vi guardano dall’alto in basso. Giffoni è il luogo in cui avrete modo di conoscere tutte le intelligenze e tutti i valori di quei ragazzi che hanno il diritto di essere ascoltati. Questo rende Giffoni indistruttibile”.

Lo Youth Panel rientra tra le attività promosse ed organizzate dal Safer Internet Centre – Generazioni Connesse, co-finanziato dalla Commissione Europea nell’ambito del programma Digital Europe, membro di una rete promossa dalla Commissione Europea. Il progetto è coordinato dal MIM con il partenariato di alcune delle principali realtà italiane che si occupano di sicurezza in Rete: Autorità Garante per l’Infanzia e l’Adolescenza, Polizia di Stato, gli Atenei di Firenze e “La Sapienza” di Roma, Giffoni, Save the Children Italia, Telefono Azzurro, la cooperativa EDI onlus e Skuola.net. Da quest’anno l’Autorità Garante Privacy, il Ministero per la Famiglia, l’Agenzia per la Cybersicurezza Nazionale entreranno a far parte del partenariato del progetto offrendo la possibilità di creare nuove sinergie ed opportunità educative.

YOUTH PANEL_GIFFONI SHOCK 2024 (13)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *